Menopausa, attenzione al colesterolo

La menopausa è un evento naturale che ogni donna è, prima o poi, destinata ad affrontare. Oltre alle ben note vampate e agli altri sintomi tipici dei cambiamenti ormonali che si verificano nell’organismo femminile, questo evento porta con sé anche un’altra novità: l’aumento del rischio cardiovascolare.
Donna in menopausa: può aumentare il rischio cardiovascolare

Una questione di ormoni?

Fra i fattori da chiamare in causa sono inclusi, anche in questo caso, gli ormoni e in particolare gli estrogeni. Queste molecole sembrano infatti esercitare un effetto positivo sulla parete interna delle arterie, aiutando a mantenerle elastiche, un effetto che viene quindi meno quando i loro livelli iniziano a diminuire.

Ad entrare in gioco potrebbero però essere anche altri cambiamenti associati alla menopausa, come la tendenza della pressione sanguigna e dei trigliceridi ad aumentare e le variazioni nei livelli di colesterolo. Con la menopausa, infatti, il colesterolo totale e quello LDL – noto anche come “cattivo” – tendono ad aumentare, mentre quello HDL – considerato invece “buono” – tende a diminuire [1].

Un effetto specifico della menopausa

Queste variazioni nei livelli di colesterolo sono note ormai da tempo. Inizialmente, però, non era chiaro se fossero dovute al naturale invecchiamento dell'organismo o se fossero associate in modo specifico alla menopausa. A chiarire i dubbi in sospeso ci ha pensato uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology da un gruppo di ricercatori guidato da esperti dell'Università di Pittsburgh, negli Stati Uniti: la ricerca ha dimostrato che è proprio la menopausa a causare l'aumento dei livelli di colesterolo [2].

I dati esaminati hanno dimostrato che sia il colesterolo totale che quello LDL aumentano significativamente all'avvicinarsi della menopausa, tanto che nella finestra dei due anni attorno a questo evento il colesterolo LDL aumenta circa del 9%. L'aumento del colesterolo totale si attesta invece attorno al 6,5% circa [2].

Occhio vigile sul colesterolo

Secondo gli autori dello studio tutto ciò significa che per prevenire efficacemente le malattie cardiovascolari le donne che si avvicinano alla menopausa dovrebbero tenere sotto controllo il loro colesterolo. Farlo non significa solo monitorarne i livelli con esami del sangue regolare, ma anche scegliere uno stile di vita che permetta di mantenerli nella norma attraverso l'alimentazione, l'attività fisica e l'abbandono di abitudini dannose come il fumo.

1. Cífková R, Krajčoviechová A. Dyslipidemia and cardiovascular disease in women. Curr Cardiol Rep. 2015 Jul;17(7):609.

2. Matthews KA, Crawford SL, Chae CU, Everson-Rose SA, Sowers MF, Sternfeld B, Sutton-Tyrrell K. Are changes in cardiovascular disease risk factors in midlife women due to chronological aging or to the menopausal transition? J Am Coll Cardiol. 2009 Dec 15;54(25):2366-73.

I contenuti diffusi dal sito Danacol e i risultati dei test proposti hanno valenza generica: la valutazione di situazioni di rischio cardiovascolare non può prescindere dal parere del proprio medico.

logo_footer_actimellogo-activia_newmondo_danonelogo-danacol-footerlogo_danette_footerlogo_footer_smLogo Vitasnella di Danonelogo_footer_yoothie