Integratori alimentari, le indicazioni del Ministero della Salute

Gli italiani sono veri e propri appassionati di integratori alimentari. Secondo la ricerca Euromonitor International’s Passport nel 2012 l’Italia si è posizionata addirittura in cima alla classifica dei paesi dell’Europa occidentale in cui ne vengono vendute le maggiori quantità. Il Ministero della Salute ricorda però che qualsiasi integratore deve essere utilizzato in modo consapevole, conoscendone funzioni e proprietà e senza trascurare l’importanza di una sana alimentazione e di sane abitudini quotidiane. Per guidare le scelte dei cittadini lo stesso Ministero ha elaborato pratici consigli da seguire per un loro uso corretto.
3 Boccette con integratori alimentari

Lo stile di vita prima di tutto

La prima indicazione riguarda l'importanza di una dieta varia ed equilibrata, il modo migliore per assumere tutti i nutrienti di cui si ha bisogno. Gli integratori non possono né sostituirsi a sane abitudini alimentari, né essere utilizzati per compensare comportamenti scorretti. L'uso più corretto è quello che inserisce questi prodotti all'interno di una dieta sana per ottimizzare salute e benessere rispondendo a specifiche esigenze individuali. Questa regola vale anche quando si pratica sport. Anche in questo caso gli integratori, se adeguati rispetto all'attività svolta e alle esigenze individuali, possono essere di aiuto a una dieta varia ed equilibrata, ma non possono in alcun modo sostituirla.
Gli integratori non devono essere utilizzati nemmeno come strumento principale per dimagrire. Per smaltire il sovrappeso resta sempre fondamentale seguire un'alimentazione adeguata e aumentare le energie bruciate dall'organismo agendo sull'attività fisica. L'eventuale uso di supplementi alimentari deve essere considerato secondario e accessorio.

Al bando il fai da te

Il Ministero ricorda anche che è bene consultare il medico prima di assumere qualsiasi integratore anche se può essere acquistato senza prescrizione. Questo accorgimento è particolarmente importante se ad assumerlo sono bambini, donne in gravidanza o che allattano al seno, se non si è in un buono stato di salute e se si stanno assumendo altri farmaci o integratori. Non bisogna infatti dimenticare che anche gli integratori possono avere controindicazioni ed effetti inattesi o indesiderati. Anche per questo è importante leggere sempre bene l'etichetta del prodotto che si sta per assumere, facendo particolare attenzione al possibile rischio di allergie o intolleranze e comunicando al medico o al farmacista qualsiasi effetto avverso non segnalato. Per lo stesso motivo non è consentito superare le dosi consigliate e nel caso in cui se ne faccia un uso prolungato è bene rivolgersi periodicamente al medico per un controllo.

Un po' di sana diffidenza

Infine, il Ministero ricorda di diffidare degli integratori che promettono effetti miracolosi. La pillola magica, purtroppo, non esiste ancora.

I contenuti diffusi dal sito Danacol e i risultati dei test proposti hanno valenza generica: la valutazione di situazioni di rischio cardiovascolare non può prescindere dal parere del proprio medico.

logo_footer_actimellogo-activia_newmondo_danonelogo-danacol-footerlogo_danette_footerlogo_footer_smLogo Vitasnella di Danonelogo_footer_yoothie