Grassi, proteine e carboidrati: la giusta proporzione per ogni nutriente

Per mantenersi in salute è importante seguire un’alimentazione equilibrata. L’equilibrio nutrizionale aiuta infatti sia a prevenire le malattie cardiovascolari che a ridurre il rischio di diverse altre patologie, tumori inclusi. Dal punto di vista pratico ciò significa introdurre con il cibo tutti i nutrienti di cui l’organismo ha bisogno per funzionare in modo corretto, partendo da quelli che vengono comunemente definiti macronutrienti: i grassi, le proteine e i carboidrati.
Disegno che rappresenta le giuste proporzioni tra grassi, proteine e carboidrati

Le giuste quantità dalle giuste fonti

Per garantirsi il giusto apporto di questi nutrienti si possono seguire i principi della Dieta Mediterranea, mangiando sempre un po' di tutto ma facendo attenzione a introdurre il 55-60% delle calorie giornaliere sotto forma di carboidrati, il 15% sotto forma di proteine e il 25-30% di grassi. Largo quindi ai cereali, meglio se integrali, preziose fonti di carboidrati. Le proteine possono invece essere assunte sotto forma di carne, uova, formaggio, pesce e legumi. Queste ultime due fonti sono quelle da consumare più frequentemente, mentre il consumo di carni, in particolare quella rossa e i suoi derivati, dovrebbe essere limitato per non finire per esagerare con l'assunzione dei grassi saturi e del colesterolo presenti al loro interno. Di colesterolo è inoltre ricco anche il tuorlo delle uova, altro alimento di cui non bisogna abusare.

Fra i grassi, invece, sono da preferire quelli di origine vegetale, in particolare quelli polinsaturi. Quelli saturi dovrebbero invece essere limitati alle quantità minori possibili: secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità non dovrebbero superare il 10% delle calorie quotidiane. Infine, non bisogna dimenticare che anche i grassi polinsaturi sono alleati della salute; per assumerli si può fare affidamento sia su alimenti di origine vegetale, ad esempio le noci, sia sul pesce ricco di omega 3, come il salmone e lo sgombro.

I rischi degli squilibri

Contravvenire regolarmente a queste norme porta a uno squilibrio nutrizionale che può mettere in pericolo la salute. Troppe proteine possono ad esempio affaticare i reni e impoverire le ossa. Un eccesso di grassi può invece far aumentare i livelli di colesterolo, mettendo in pericolo cuore e arterie. Per questo l'equilibrio nutrizionale resta una regola da non trasgredire.

I contenuti diffusi dal sito Danacol e i risultati dei test proposti hanno valenza generica: la valutazione di situazioni di rischio cardiovascolare non può prescindere dal parere del proprio medico.

logo_footer_actimellogo-activia_newmondo_danonelogo-danacol-footerlogo_danette_footerlogo_footer_smLogo Vitasnella di Danonelogo_footer_yoothie