Fumo, tutte le buone ragioni per smettere

Non cedere mai alla tentazione del fumo è una delle scelte più salutari che si possano fare, ma anche quando si è già caduti nella sua trappola non è mai troppo tardi per smettere. Abbandonare le sigarette e gli altri prodotti a base di tabacco permette infatti di ridurre significativamente i rischi anche quando si è fumatori incalliti da anni.

Sigaretta spezzata contro il fumo

Vantaggi non solo per i polmoni

I primi benefici di questa scelta riguardano i polmoni: poco dopo aver smesso di fumare l'infiammazione delle vie respiratorie diminuisce e, tra 1 e 9 settimane dopo aver smesso, fiato corto, tosse e bruciore alle vie respiratorie inizieranno a diminuire. In pochi mesi anche le ciglia che rivestono internamente le vie aeree riprendono a funzionare attivamente. Anche la salute dei vasi sanguigni inizia a migliorare subito dopo aver spento l'ultima sigaretta. Di conseguenza, il rischio di infarto si riduce significativamente e quindici anni dopo aver smesso il rischio cardiovascolare di un ex-fumatore è equivalente a quello di una persona che non ha mai fumato. Se si smette di fumare prima dei 30 anni è probabile che si riesca a condurre la stessa vita di chi non ha mai acceso una sigaretta. Anni dopo aver smesso anche il rischio di sviluppare diverse forme di tumore (incluse quelle ai polmoni) risulterà dimezzato rispetto a quello di un fumatore.

Se i benefici per cuore e polmoni non sono visibili ad occhio nudo, lo sono quelli per la salute dei denti. La nicotina smetterà infatti di macchiarli e basterà una buona igiene orale (magari con l'aiuto di un bravo dentista) per vederli tornare bianchi. Per di più l'alito risulterà finalmente gradevole . Smettere di fumare migliora anche la circolazione a livello della pelle. Non solo: se le rughe ormai formate non spariranno automaticamente, i processi che portano all'invecchiamento della pelle rallenteranno progressivamente e la cute, tornando ad essere più idratata, potrebbe addirittura sembrare più giovane. Anche borse e occhiaie potrebbero scomparire magicamente. Eliminare il fumo può infatti migliorare la qualità del sonno, contrastando così gli effetti collaterali di un cattivo riposo.

Una vera e propria impresa

Certo, smettere di fumare non è impresa facile. Nei primi giorni si devono fare i conti con l'astinenza dalla nicotina, ma per trovare un buon motivo per non cedere alla tentazione di accendere un'altra sigaretta potrebbe bastare pensare che già 20 minuti dopo aver spento l'ultima la frequenza cardiaca è tornata nella norma e che 2 ore dopo anche la pressione ha seguito lo stesso destino. Nel caso in cui la forza di volontà non sia sufficiente ci si può affidare a uno dei numerosi metodi per smettere di fumare: dalle gomme da masticare all'ipnosi, passando per le sigarette a base di erbe, le scelte non mancano. Ciò che conta è trovare l'aiuto più adatto al proprio caso.

I contenuti diffusi dal sito Danacol e i risultati dei test proposti hanno valenza generica: la valutazione di situazioni di rischio cardiovascolare non può prescindere dal parere del proprio medico.

logo_footer_actimellogo-activia_newmondo_danonelogo-danacol-footerlogo_danette_footerlogo_footer_smLogo Vitasnella di Danonelogo_footer_yoothie